NOTA! Questo sito utilizza i cookies e tecnologie simili

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta l'installazione dei cookies semplicemente proseguendo nella navigazione. Per saperne di piu'

Approvo

Istituto Italiano di Navigazione

dal 1959
ente con personalità giuridica dal 1964

L'ISTITUTO ITALIANO DI NAVIGAZIONE

Istituito nel 1959, esso ha avuto riconoscimento di personalità giuridica con DPR 1703 del 12 ottobre 1964. In tale occasione il Consiglio Generale dell'Istituto fu ricevuto dal Capo dello Stato, On. Giuseppe Saragat.

saragat

L'Istituto Italiano di Navigazione iscritto all'Anagrafe Nazionale delle Ricerche ed è Membro fondatore dell'Associazione Internazionale degli Istituti di Navigazione (I.A.I.N. - International Association of Institutes of Navigation) e del Gruppo Europeo degli Istituti di Navigazione (E.U.G.I.N. - European Group of Institutes of Navigation).

L’Istituto ha sede a Roma, ma possono essere istituite anche delle Sezioni dell’Istituto in altre località dove siano presenti condizioni favorevoli per realizzare lo scopo sociale.

FINALITÀ ISTITUZIONALI

Lo scopo dell’Istituto Italiano di Navigazione è di promuovere lo sviluppo delle scienze e delle tecniche nonché il diritto, la giurisprudenza, la gestione e l’economia della navigazione (terrestre, marittima, aerea e spaziale), e di diffonderne la conoscenza. Tale attività è svolta non a scopo di lucro, ma a solo scopo della diffusione della cultura tecnica e scientifica della navigazione.

L'Istituto si configura come una Associazione di esperti, professionisti e cultori della mobilità, l'intermodalità e la sicurezza. Nelle finalità sono considerati tutti i mezzi di posizionamento, terrestri, satellitari e autonomi come i loro rapporti con i sistemi di telecomunicazione; tra i soggetti di interesse riveste primaria importanza la sicurezza dei trasporti e la loro regolamentazione nazionale ed europea.

CONCETTO DI NAVIGAZIONEnav

La navigazione terrestre, marittima, aerea,e spaziale, è la scienza che studia la pianificazione, l'esecuzione ed il controllo in sicurezza di traiettorie di trasferimento di un generico mobile correlate con l'ambiente in cui esse sono eseguite.

Quando dai informazioni di viabilità ad un forestiero (… alla seconda traversa volti a destra, poi al semaforo di nuova a sinistra, ecc …) stai pianificando una “navigazione” … lo sapevi?