NOTA! Questo sito utilizza i cookies e tecnologie simili

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta l'installazione dei cookies semplicemente proseguendo nella navigazione. Per saperne di piu'

Approvo

Istituto Italiano di Navigazione

dal 1959
ente con personalità giuridica dal 1964

LA STRUTTURA

Gli organi dell'Istituto sono i seguenti:

a) l'Assemblea Generale dei Soci;
b) il Presidente;
c) il Comitato di Presidenza;
d) il Segretario Generale;
e) il Revisore dei Conti; 
f) i Vicepresidenti di cui uno Vicario del Presidente;
g) il Comitato scientifico;
h) il Tesoriere.
 
Questi si avvalgono, per la loro attività, della struttura composta da:
-       i Vicepresidenti;
-       il Comitato Scientifico;
-       il Tesoriere.

Ad eccezione dell’Assemblea Generale dei Soci, che per sua stessa natura ha durata permanente, tutti gli altri organi sociali vengono rinnovati a cadenza triennale, a seguito dell’elezione del Presidente.

L’Istituto ammette le seguenti categorie di Soci:

  • i Soci Collettivi - (SC);
  • i Soci Individuali - (SI).
Sono Soci Collettivi:
1) Amministrazioni ed Enti pubblici  o privati, Grandi Aziende, Registri di Classificazione, Istituti di Certificazione ed Enti analoghi;
2) Università e altri Istituti scientifici e di cultura, Fondazioni, Musei;
3) Associazioni di categoria, culturali e tecniche;
4) Altre imprese interessate agli scopi dell’Associazione, professionisti associati.
 
Sono Soci Individuali:
le persone che, per ragioni culturali o professionali, sono iscritti ed interessati agli scopi dell’Associazione.
Essi comprendono i Soci Ordinari (SO) propriamente detti e i Soci Juniores (SJ). Sono Soci Ordinari juniores xoloro che non hanno compiuto 30 anno d’età.
I Soci Individuali che versano un importo pari a 5 volte la quota annuale sono riconosciuti Soci Benemeriti (SB).
 
Tutti i Soci fanno parte dell’Assemblea Generale dei Soci finché rimangono iscritti all’Istituto.

La gestione operativa dell’Istituto è svolta dal Comitato di Presidenza che coadiuva il Presidente nelle attività gestionali, lo sostiene in quelle operative e lo supporta in quelle scientifiche.

Per attività particolarmente complesse e impegnative, possono essere nominati specifici Gruppi di Lavoro (GdL) con un proprio Presidente del GdL e relativo, se previsto, Comitato di Presidenza del GdL che rimangono in carica finché l’attività non si è conclusa. Il Presidente di ciascun Gruppo di Lavoro diviene membro del Comitato di Presidenza del GdL per tutto il tempo in cui il GdL da lui presieduto è operativo.