NOTA! Questo sito utilizza i cookies e tecnologie simili

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta l'installazione dei cookies semplicemente proseguendo nella navigazione. Per saperne di piu'

Approvo

Istituto Italiano di Navigazione

dal 1959
ente con personalità giuridica dal 1964

La storia dell'Istituto Italiano di Navigazione

L'Istituto Italiano di Navigazione è nato nel 1959 ed ha avuto riconoscimento di personalità giuridica con DPR 1703 del 12 ottobre 1964, ed in tale occasione il Consiglio generale dell'Istituto fu ricevuto dal Presidente della Repubblica.

È iscritto all'Anagrafe Nazionale delle Ricerche ed è Membro Fondatore dell'Associazione Internazionale degli Istituti di Navigazione (I.A.I.N. - International Association of Institutes of Navigation) e del Gruppo Europeo degli Istituti di Navigazione (E.U.G.I.N. - European Group of Institutes of Navigation).

L’Istituto Italiano di Navigazione nacque quindi ad opera di un gruppo di Soci Fondatori fra i quali figuravano Alti Ufficiali della FF.AA., personalmente studiosi di questa materia, e rappresentanti di Enti Ministeriali e di Aziende Statali e private interessati ai problemi della Navigazione.

 

Finalità Istituzionali

Lo scopo dell’Istituto Italiano di Navigazione è di promuovere lo sviluppo delle scienze e delle tecniche nonché il diritto, la giurisprudenza, la gestione e l’economia della navigazione (terrestre, marittima, aerea e spaziale) e di diffonderne la conoscenza.

Tale attività è svolta non a scopo di lucro, ma a solo scopo della diffusione della cultura tecnica e scientifica della navigazione.

Così scriveva il primo presidente dell’Istituto il Cav. Del Lavoro Ing. Raoul CHIODARELLI:
Senza peccare di eccessive pretese, mi sia consentito di prevedere che, se non ci mancherà l’adesione e l’ambito apporto collaborativo di quanti in Italia si interessano alla scienza e all’arte della navigazione e se in conseguenza riusciremo a coordinare e a mettere a profitto le preziose esperienze dei navigatori del mare e dell’aria, degli studiosi e dei ricercatori, dei progettisti e dei costruttori degli apparati per la navigazione, diffondendo la conoscenza di studi fatti e problemi e favorendo l’istituzione di corsi di specializzazione professionale, l’Istituto Italiano di Navigazione potrà realmente essere un organismo importante a disposizione dei competenti organi di Governo e utile al progresso a al prestigio del nostro Paese”.

 

I Soci dell'Istituto

L'Istituto è un'associazione di esperti, professionisti e cultori della mobilità, l'intermodalità e la sicurezza. Nelle finalità sono considerati tutti i mezzi di posizionamento, terrestri, satellitari e autonomi come i loro rapporti con i sistemi di telecomunicazione; tra i soggetti di interesse riveste primaria importanza la sicurezza dei trasporti e la loro regolamentazione nazionale ed europea.

 

La Navigazione

Quando si parla di navigazione la mente non può che andare al mare in quanto campo di scienze e tecniche usate fin dai primi albori in cui l’uomo si è dovuto servire per orientarsi e dirigersi. Oggigiorno l'uso del termine si è esteso all’intero campo della mobilità, da quello terrestre a quello aeronautico e poi spaziale. Ma ormai il termine navigazione evoca e richiama altri campi tra cui quello di internet ovvero della Rete che trasversalmente ritroviamo ovunque.